a

Latest Posts:

Sorry, no posts matched your criteria.

Follow Us:

Back To Top
Image Alt

Scopri che cos’è la morchia nell’olio extravergine!

la morchia nell'olio extravergine

Scopri che cos’è la morchia nell’olio extravergine!

Come ti ho raccontato nel mio articolo sull’olio evo filtrato e non filtrato, il primo si presenta limpido mentre il secondo torbido.

Questo è dovuto alle piccole particelle di acqua e ai residui vegetali che rimangono dopo la separazione dell’olio dalla sansa.

È proprio in questo caso che entra in gioco la morchia.

Di cosa si tratta di preciso?

Te lo spiego subito.

Questi residui entro i primi mesi della produzione non causano nessun tipo di problema.

Ma è trascorso questo tempo che le particelle iniziano a depositarsi sul fondo (la cosiddetta posa dell’olio d’oliva).

Ed ecco la morchia dell’olio extravergine: un deposito che inizia ad ossidare (a causa di alcuni enzimi) e ad intaccare le preziose proprietà del condimento, provocando odore e gusto sgradevoli.

Ma se scegli un olio non filtrato e ti capita questo, come puoi risolvere?

il filtraggio per evitare la morchia

Come evitare che la morchia dell’olio evo ossidi

Le possibilità sono diverse:

  1. Puoi cercare di consumare l’olio evo nel minor tempo possibile, evitando quindi che si formi la morchia;
  2. Puoi eseguire un paio di travasi in due periodi diversi (l’olio evo a contatto con l’ossigeno si ossida) in modo da eliminare il deposito che si forma sul fondo della latta/bottiglia;
  3. Puoi filtrarlo direttamente in casa, utilizzando un po’ di cotone.

Adesso sei preoccupato che nel tuo olio non filtrato si formi la morchia?

Prova allora i nostri due oli extravergini 100% italiani, filtrati in modo naturale per donarti tutto il gusto autentico e duraturo delle eccezionali olive pugliesi.

Lasciaci un commento Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*Campo obbligatorio