a

Latest Posts:

Sorry, no posts matched your criteria.

Follow Us:

Back To Top
Image Alt

Olio filtrato o non filtrato? Ecco come scegliere!

Olio filtrato o non filtrato? Ecco come scegliere!

Sempre più spesso notiamo negli scaffali oli evo “non filtrati” o “grezzi”, oli che sicuramente trasmettono una maggiore idea di naturalità e artigianalità ma allo stesso tempo presentano diversi problemi.

Sei pronto a scoprirli?

Ecco allora cosa scegliere tra olio filtrato e non filtrato!

Meglio l’olio filtrato o non filtrato?

Come ben sai l’olio si ricava dalle olive, ma prima di diventare il condimento che tutti conosciamo, il suo aspetto è ben diverso.

Con la spremitura infatti otteniamo un prodotto costituito da due diverse parti: una solida (noccioli e polpa, detta sansa) e una liquida, formata da olio e acqua.

Per separare queste due parti un tempo si utilizzava la decantazione naturale, mentre oggi esistono centrifughe meccaniche che consentono di effettuare un lavoro migliore e in meno tempo.

E qui arriviamo al punto interessante.

Una volta separate le due parti, nell’olio evo rimangono ancora piccole particelle di oliva e di acqua.

Adesso è il momento di scegliere.

Se voglio un olio evo non filtrato è sufficiente imbottigliare il prodotto appena ottenuto.

Se invece voglio ottenere un prodotto più limpido devo filtrarlo utilizzando particolari filtri formati da diversi strati che trattengono le particelle di oliva e acqua senza alterare in alcun modo le caratteristiche chimiche e organolettiche dell’olio.

Quindi, qual è la differenza?

una bottiglia di olio non filtrato

La differenza tra olio extravergine di oliva filtrato o non filtrato

Te lo svelo subito, la qualità qui non centra.

Filtrato o non filtrato, l’olio evo è buono se ottenuto da materie prime eccellenti.

Il problema è però sui tempi di conservazione.

Se per un olio evo filtrato, luce, ossigeno e calore sono i più grandi nemici, al non filtrato se ne aggiunge un altro: la morchia.

Di cosa si tratta?

Come abbiamo detto, un non filtrato presenta ancora piccole particelle di oliva e di acqua, che nel corso del tempo tendono a depositarsi sul fondo, rischiando di decomporsi (il deposito viene detto appunto morchia).

Ecco perché c’è il rischio che un olio evo non filtrato si conservi per molto meno tempo e veda ridursi le proprietà organolettiche.

Questo è il motivo per cui molti consigliano di consumare questa tipologia di olio d’oliva entro i primi mesi dell’anno!

Quale abbiamo tipologia abbiamo scelto?

Per garantirti un prodotto di altissima qualità utilizziamo materie prime eccellenti, olive coltivate e raccolte nei nostri terreni.

Inoltre, il nostro olio evo è sempre filtrato, così puoi avere la sicurezza di un prodotto che duri nel tempo e che mantenga intatte tutte le sue preziose qualità.

Scommetto che adesso non vedi l’ora di provarlo.

Scopri subito il nostro olio extravergine di oliva intensoi” e il nostro olio extravergine di oliva delicatoD”!

Lasciaci un commento Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*Campo obbligatorio