Ingredienti per 8 zeppole al forno con e senza glutine 

 

Per l'impasto senza glutine

Per l'impasto con glutine

Per la crema 

  • 200g latte intero
  • 60g zucchero
  • 60g tuorli (circa 3)
  • 30g maizena
  • baccello di vaniglia

Per rendere la crema più densa si può aggiungere altra farina o fecola poco per volta, fino a raggiungere la consistenza gradita. Un’altra soluzione è la gelatina o colla di pesce: ne basterà un foglio, fatto precedentemente ammollare in acqua e poi sciolto sul fornello. È necessario poi mescolare molto, molto bene per evitare la formazione di grumi.

Procedimento 

Per preparare le zeppole è utile iniziare col preparare la crema per poi lasciare riposare in frigo per 2 ore. Prima di tutto è necessario versare il latte in un pentolino ed unire i semi del baccello di vaniglia ed anche il baccello stesso. Riscaldare il latte senza arrivare al bollore. Nel frattempo, unire i tuorli e lo zucchero per amalgamare bene con una frusta, unire successivamente la maizena ed amalgamare per creare un composto senza grumi e spumoso.

Dopo aver tolto il latte dal fuoco e scartato il baccello di vaniglia, unire il composto di uova e zucchero nel pentolino contenente il latte, riportare sul fuoco a fiamma bassa e mescolare bene tutto il preparato senza farlo aderire sul fondo. Girare bene per qualche minuto fino a consistenza gradita. A questo punto la crema è pronta e può essere spostata in un contenitore ampio per farla raffreddare coperta da pellicola.

Mentre la crema si raffredda è utile preparare l’impasto delle zeppole iniziando versando l’acqua, l’olio e un pizzico di sale in un pentolino. Raggiunto il bollore è necessario spostare dal fuoco ed aggiungere la farina di riso, la maizena e la farina di lupini, mescolare bene con un cucchiaio di legno per amalgamare tutti gi ingredienti. In alternativa, per l’impasto con glutine unire solo la farina 00. Riportare sul fuoco per circa 1 minuto e continuare la cottura mescolando.

A cottura ultimata serve spostare l’impasto in una ciotola ed utilizzare la frusta elettrica per amalgamare il composto dopo aver aggiunto le uova, uno alla volta. In seguito, continuare a mescolare per ottenere un impasto liscio ed elastico. Trasferire in una sac-à-poche con bocchetta a stella e disponete l’impasto su una teglia da forno rivestita da carta da forno, disegnando le zeppole con un diametro di circa 8 cm e ben distanziate l’una dall’alta.

A questo punto è arrivato il momento di cuocere le zeppole in forno ventilato preriscaldato a 200°C per 25 minuti per poi far raffreddare. Quando la crema e le zeppole saranno ormai fredde, trasferire la crema nella sac-à-poche, sempre con bocchetta a stella ma di diametro più piccolo, per disporre la crema sulle zeppole. Decorare poi con amarene e dolcificante a velo.

Consigli alimentari 

Molto spesso si sente parlare di alimentazione intuitiva, più conosciuta come intuitive eating, una tipologia di alimentazione che aiuta ad autoregolarsi per seguire uno stile di vita sano senza troppe regole. Questo dovrebbe aiutare ad avere un rapporto più sereno col cibo e con il proprio corpo, aiutare molte persone ad avvicinarsi alla corretta alimentazione per valutare in seguito un approccio più definito, oppure in altri casi per bloccare l’associazione tra cibo e dieta quando questa diventa troppo ingombrante ed eccessiva.

Questo non vuol dire soddisfare a prescindere ogni desiderio più volte al giorno ma rimanere sempre nell’ambito della sana alimentazione fatta di piatti bilanciati, cibo fresco non confezionato e di sano stile di vita. Ma, vuol dire anche, non escludere a prescindere un dolce inserito con criterio, un pasto più calorico, più abbondante. Ma cosa fare in pratica?

Molto utile avere delle linee guida sulle porzioni ed abbinamenti:

- Aumentare le porzioni solo quando si avverte più senso di fame, altrimenti far riferimento alla porzione abituale. Distinguere la fame emotiva, improvvisa e desiderosa di cibi preconfezionati, dalla fame fisiologica che insorge gradualmente in orari abbastanza normali. Abbinare sempre i carboidrati alle proteine dei secondi piatti e fibre delle verdure durante i pasti principali.

- Non catalogare il cibo come buono o cattivo ma preferire e scegliere la frequenza di assunzione maggiormente di cibo sano.

- Concentrarsi sulla reale causa dello stato emotivo che porta a consumare cibo in risposta ad ansia, tristezza, noia, nervosismo.

- Non considerare sgarri i pasti consumati fuori per poi seguire una dieta troppo restrittiva nei giorni successivi.

- Cercare di variare il più possibile gli alimenti, le ricette e metodi di cottura.

In generale essere più consapevoli delle reali necessità del proprio corpo ed obiettivi senza seguire delle indicazioni più precise. Questo probabilmente non ci aiuterà a perdere tutti i chili di troppo, risolvere delle problematiche di salute, raggiungere al 100% tutti i nostri obiettivi ma sicuramente apporterà dei miglioramenti alla salute e ci darà l’occasione di sperimentare un modo più sano di mangiare che in molti casi, perché no, può far scattare il desiderio di approfondire meglio per dedicarsi alla salute con maggiore attenzione e desiderio.